Interfaccia

Sono costantemente alla ricerca del miglior programma per scrivere i miei articoli, post sul blog e perfino quei due-tre libri che probabilmente non vedranno mai la luce.
Per quanto riguarda la sintassi di scrittura, ho eletto da tempo Markdown come quella migliore, mentre cambio costantemente editor in base alle mie esigenze e caratteristiche specifiche.

Preferenze

A partire da oggi è disponibile per OS X Write for Mac – al quale tra le altre cose ho partecipato per la traduzione italiana – e si piazza subito come uno dei più interessanti. Questo perché propone tre colonne che permettono di aggiungere riferimenti a cartelle specifiche e quindi organizzare al meglio la propria scrittura, senza uscire dal programma stesso. Un'altra caratteristica interessante è la possibilità di personalizzare il CSS dell'area di scrittura per cambiare sfondo, colori, codici specifici e altro assieme ai font e alla loro spaziatura; inutile dire che c'è pieno supporto per la scrittura Markdown e una miriade di servizi di esportazione, come PDF ed HTML.
In aggiunta inoltre il programma è veloce e stabile, permette anche di isolare la finestra di scrittura ed avere una versione iper minimalista e senza fronzoli aggiuntivi.

Full Screen

Per le mie esigenze non è il migliore in assoluto (magari scriverò un post a breve di qual è la mia configurazione attuale) ma è assolutamente valido e personalizzabile; dal mio punto di vista per 5.99€ merita una prova.

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter: @Tanzen.