Solitamente, su questo blog, non vado mai troppo nel dettaglio di quello che penso e che faccio (anche se all’apparenza può sembrare il contrario, ma d’altronde non mi interessa chi vive di apparenze…) e probabilmente non lo farò manco adesso, ma lo scorso weekend è stato molto particolare e divertente, e mi andava di scriverlo.

Senza citare attori e comparse, è partito tutto dall’aperitivo alle 19 e 30, per poi proseguire in discoteca, al Rua Negra, dove in un paio di sale tutti ballavano salsa e merengue e io, memore di quei dieci minuti di ballo che ho imparato in passato, ho deciso di buttarmi comunque in compagnia, per dare il solito spettacolo ai limiti del consentito (dal buon gusto :D), anche in pista con pochissime persone, fino alle 4.

Non contenti, abbiamo avuto l’idea geniale di metterci in macchina verso Viterbo, a 40 minuti da qui, verso alcune pozze termali vicino a quelle a pagamento di bullicame, incontaminate e immerse nel verde. Una cosa eccezionale, dove ci siamo buttati unicamente in mutande per un bagno estremamente caldo, rilassante e piacevole (condito da sali minerali) fino all’alba e oltre e col freddo potente fuori :D

Ritorno alle 10, dormita più che rilassata e Sabato completamente stravolto con sveglia direttamente di sera, se non sono questi i weekend che ti fanno sentire vivo…

Ci sarebbero un altro paio di appendici alla Domenica, ma questa è un’altra storia.