Ragazzino scappa da Bolzano per visitare Multiplayer.it e videogiocare!!1111

Volevo raccontare nuovamente una cosa simpatica successa il 3 giugno 2013, che se vogliamo ha anche dell’incredibile, un ragazzo di 14 anni lettore di Multiplayer.it, TESTATA GIORNALISTICA CHE SI OCCUPA DI VIDEOGIOCHI per la quale scrivo (l’ho scritto di proposito così per chi ignora questa cosa, poi capirete perché), è partito con i suoi risparmi da Bolzano per raggiungere la nostra redazione a Terni – marinando la scuola e non avvisando i genitori – dopo oltre sette ore di treno e cinque chilometri a piedi dalla stazione fino a dove ci troviamo.
Lui è un nostro super fan, ci conosce a memoria anche grazie ai video che facciamo giornalmente e al fatto che oramai Multiplayer.it è una realtà molto affermata e con quasi un milione e mezzo di lettori; lo scorso mese era venuto a trovarci con i genitori ma era stato solo tre ore, ci aveva portato dei piccoli regali culinari e noi lo avevamo riempito di gadget.

La dinamica è stata che si è presentato in redazione un po’ sudato, lo abbiamo accolto ovviamente sorpresi e chiedendogli come mai era li, ha chiesto di andare in bagno per rinfrescarsi e nel frattempo è arrivata la Polizia, allertata ore prima dai genitori che immaginavano dove potesse essere.

Per fortuna è andato tutto bene, ho parlato successivamente sia con lui che con il padre per apprendere che era stata una semplice “bravata” per noia e incoscienza giovanile, anche perché il ragazzino si era fatto tutto l’itinerario con i treni e l’autobus, mentre i genitori conoscevano bene l’amore che ha per Multiplayer.it.

Cosa assolutamente lusinghiera per noi, quella di aver creato una schiera di fan che ci segue così da vicino, magari si poteva evitare tutta la parte di scappare all’insaputa dei genitori :D

Ma passiamo alla rassegna stampa dell’inevitabile notizia che si è generata, che fa capire ancora una volta come basta pochissimo per modificare il senso di un accadimento con il dolo di aggiungere proprie valutazioni completamente inesatte o sbagliate.
Tutto è nato dalla notizia riportata erroneamente da Umbria 24, che ha parlato di ragazzino scappato dai genitori e trovato dalla Polizia a giocare ai videogiochi in un “mondo magico”. Ho contattato la redazione del giornale per una sorta di smentita e dichiarazione ufficiale (tra le altre cose era venuto a trovare noi, non abbiamo una sala giochi ma solo prodotti da testare per recensione), ma oramai la frittata era fatta:

http://www.umbria24.it/terni-videogiochi-troppo-appassionanti-la-polizia-rintraccia–15-enne-di-bolzano-scappato-da-casa/180273.html

A questo punto è stata ricopiata da una miriade di siti locali, regionali e nazionali, che non solo hanno riportato le inesattezze parola per parola, ma ci hanno aggiunto del proprio in testa o in coda.

Il Messaggero fa una bella copia carbone di tutte le inesattezze:

Scappa da Bolzano a Terni per i videogiochi

Per Tuttoggi Multiplayer.it è una sala giochi (:D), un mondo magico e i genitori avevano paura per il proprio figlio:

http://tuttoggi.info/articolo/55439/

A Terni e Provincia invece parte il qualunquismo, secondo loro della questione se ne occuperanno psicologi e sociologi. E non potrebbe essere altrimenti:

http://www.ternieprovincia.com/index.php?act=news&id=12425

La Goccia invece paragona la vicenda ad un moderno Pinocchio di Collodi, che preferì recarsi al Paese dei balocchi invece di andare a scuola. E non solo! Multiplayer.it è un luogo di adolescenti appassionati, mica lavoriamo con uno stipendio:

http://www.lagoccia.eu/cronaca/13010-moderno-qpinocchioq-a–15-invece-di-andare-a-scuola-a-bolzano-arriva-a-terni-per-giocare-ai-videogame.html

Se questo è il tenore di una notizia così semplice, immaginate cosa siti e quotidiani anche importanti scrivono su cronaca, politica e il resto.

Ad ogni modo benvenuti su Multiplayer.it, il ritrovo di tutti gli adolescenti appassionati di videogiochi, dove non si fa un cazzo dalla mattina alla sera e la gente fa follie per giocare con noi invece di farlo a casa propria :D

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter: @Tanzen.