Multiplayer.it fa capo ad una realtà più grande, ovviamente, si chiama Netaddiction Srl e ha sempre sede a Terni. L'azienda ha sotto la propria ala protettiva diverse realtà interessanti all'interno del panorama dell'intrattenimento e non, oggi ha visto la nascita di un nuovo fratellino per gli altri. Si chiama iFood ed è formato da tanti blogger (quasi tutte donne! anche se i maschietti si difendono) bravissimi col cibo nell'accezione completa del termine: dalle foto alle ricette, passando per la capacità di esprimere la passione verso un qualcosa di sacro che non dovrebbe mai essere preso sotto gamba né trascurato.
Il sito è raggiungibile a questo indirizzo, è molto piacevole dal punto di visto estetico e da quanto ho visto verrà aggiornato ogni giorno con articoli e ricette diversissime per ingredienti e fantasia. La forza del sito (e del network) è quella di proporre una moltitudine di persone e di esperienze legate al cibo ma che si intersecano con la musica, la cultura e l'arte, fino alla sua versione più unica e genuina.
Anche le community di Facebook, Twitter, Instagram e Pinterest sono già parecchio attive e curate nei minimi particolari.

iFood-Grembiule

A tal proposito c'è una notizia che mi riguarda: il mio lavoro su Multiplayer.it è adesso affiancato da quello di Social Media Manager di tutti i siti di NetAddiction: oneri e onori nel coordinare le attività social dei nostri progetti, che poi vengono attuate sulle singole realtà da persone addentro ad ogni sito, che conoscono a perfezione l'argomento.
Il lavoro fatto da me e Matteo su Multiplayer.it è la base di partenza, ma adesso con Alessia, Fedora e gli altri colleghi l'idea è quella creare nel corso del tempo tante community che vivono di vita propria e che vengono seguite con piacere, legandosi a stretta mandata col sito dal quale sono nate.

Per amore di completezza, ecco tutti i progetti che fanno capo a Netaddiction Srl, completamente oppure in parte:

Non è finita qui, ovviamente, buone nuove nei prossimi mesi :)

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter: @Tanzen.