iOS 7, le novità che mi piacciono

shared_controlcenter_lastframe_2x

Come oramai ben noto la scorsa settimana Apple ha rilasciato la prima beta di iOS 7 a coloro i quali sono in possesso di un account sviluppatore, come il sottoscritto. Da buon appassionato di tecnologia non ho esitato ad installarla su iPhone 5, posso confermare che il cambio estetico è qualcosa di estremamente radicale e anche le funzionalità inedite rappresentano un’evoluzione non banale rispetto alla versione attuale.

Ovviamente è tutto sotto NDA e quindi non ho intenzione di pubblicare immagini o scrivere di cose che non sono già state evidenziate altrove, con questo post però volevo elencare le caratteristiche funzionali che reputo interessanti e che, dal mio punto di vista, giustificano sempre di meno il jailbreak.
Non parlerò invece di prestazioni, bug riscontrati, durata della batteria o altro, si tratta della primissima beta e ce ne saranno altre prima della versione disponibile per tutti, non avrebbe senso quindi scriverne ora.

Allo stesso modo niente diatribe sterili iOS/Android (ne ho parlato un minimo a questa pagina), è indubbio che l’interfaccia del sistema operativo di Apple abbia sofferto di “vecchiaia estetica” dopo ben sei iterazioni, ma come usabilità e coerenza l’ho sempre definita la soluzione ideale al netto di quelle mancanze incomprensibili come la possibilità di cambiare i programmi di default.
Con iOS 7 come dicevo abbiamo un deciso cambiamento anche dal punto di vista estetico, ma il funzionamento è sempre quello, con ovviamente tutte le novità introdotte anche per gli sviluppatori.

index_mail_posterframe_2x

index_airdrop_posterframe_2x

Ecco la mia golden list:

  1. Mail permette finalmente di configurare e visualizzare nella pagina iniziale alcune Smart Folder e cartelle come quella delle email non lette, flaggate (tipo quelle importanti), con allegati, le bozze e le inviate
  2. Il Control Center, che permette facendo “slide” dal basso di accedere con un solo tap all’attivazione/disattivazione di Wi-Fi e Bluetooth, non disturbare, luminosità, macchina fotografica, sveglia etc.
  3. Il centro notifiche potenziato con le attività di oggi e le notifiche perse, manca ancora un bottone per cancellarle tutte con un unico tap
  4. L’accesso alla ricerca (Spotlight) da qualsiasi pagina, mediante slide verso il basso dal centro dello schermo, che risulta molto più comodo di prima
  5. L’aggiornamento automatico delle applicazioni, sotto la voce apposita c’è anche lo storico degli aggiornamenti per vedere cosa è cambiato
  6. La wishlist (finalmente!) delle app e musica, sincronizzata con quella di iTunes per desktop
  7. La gestione dinamica del testo con la possibilità di aumentare/ridurre il font nel sistema e in tutte le app che lo supportano
  8. Le foto panoramiche come sfondo che seguono il proprio movimento
  9. Multitasking più utile con l’anteprima dell’applicazione, finalmente funziona anche in orizzontale
  10. Il sync delle notifiche tra tutti i propri dispositivi iOS e OS X
  11. La migliore organizzazione delle foto, con una sezione a parte per le panoramiche e la divisione per luogo e anno, la navigazione di tante foto diventa molto più semplice
  12. Lo sharing via Airdrop, al di là dei social network, dove già con iOS 6 era molto semplice condividere cose, lo sarà finalmente anche con altri dispositivi e computer fissi

Con le prossime beta ci saranno miglioramenti e aggiustamenti in termini di velocità e funzionalità, il prossimo autunno quando installerete il nuovo sistema operativo, al di là del giudizio qualitativo soggettivo, troverete un bel po’ di novità sotto ogni punto di vista. Per me sono tutte positive, se solo Apple mi facesse cambiare quei ’azzo di programmi di default…

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter.