Poche ore fa, con un post scritto di suo pugno, Antonio Jodice ha annunciato la dipartita da Multiplayer.it e da Netaddiction, dopo 13 anni di onorato servizio.
Se ne va uno dei pilastri fondamentali che ha permesso a questo sito di diventare il punto di riferimento in Italia dell’informazione videoludica; soprattutto dotato di un’empatia con le persone che gli ha consentito di diventare personaggio noto, in grado di fare numeri grazie alla sua personalità e di far crescere quel rapporto scrittore-lettore, anche in video, che è stato fiore all’occhiello e base del successo di Multiplayer.it. Quando ho appreso le sue intenzione e le motivazioni, qualche tempo fa, sono rimasto con l’amaro in bocca: sono sempre stato sostenitore del modello americano, quello in cui puoi cambiare azienda ogni 4-5 anni per nuove sfide e per metterti alla prova, in un panorama in cui vengono offerte tantissime alternative di pari livello, anche in altri campi.
In Italia tutto questo non funziona, e in tale contesto la sua dipartita rappresenta una grande perdita, anche per non poter continuare assieme una crescita nell’azienda alla quale ha dato e ricevuto tanto.

281284_1850681628053_4038391_n

Antonio per me è vero amico da quindici anni e dai tempi di Alternative-Reality.com, abbiamo condiviso migliaia di momenti lavorativi memorabili e non, litigi, scazzi, accadimenti fuori dall’ordinario, una miriade di fiere internazionali come compagni di stanza. Questa cosa per fortuna è inattaccabile, ma oggi per me finisce un’era: sono curioso di vedere cosa riserverà il futuro, di sicuro quello di Antonio sarà pieno di soddisfazioni!

Se Facebook ti provoca l’orticaria, scrivimi su Twitter: @Tanzen.