Il tipo appartenente a questo segno d’Acqua è l’uomo conservatore, fondamentalmente tranquillo, amante della casa e della famiglia, piuttosto diffidente ad allargare la sua cerchia di conoscenze o il suo campo di esperienze. Ma esiste anche il cancro errabondo e inquieto come la Luna, sua governatrice, che alimenta le sue fantasie e lo spinge a inseguire traguardi spesso irraggiungibili, amori che gli sfuggono o successi che non lo soddisfano mai pienamente. Tutti i cancerini però hanno in comune l’attaccamento al passato, alle tradizioni di famiglia, agli amici d’infanzia e in qualsiasi frangente della vita trovano un solido ancoraggio nei loro affetti.

Nella vita professionale il Cancro è un ambizioso che sceglie però strumenti d’affermazione più congeniali alla sua natura, non ha infatti il mordente dell’aggressività per gettarsi con sicurezza nelle competizioni più decisive. Ma può contare sul senso di responsabilità, sul rispetto per gli altri e sulla sua incredibile resistenza nell’applicarsi al lavoro. Vive male i contrasti ed essendo quanto mai umorale e suscettibile è pronto a rilevare ogni mancanza nei suoi confronti, senza però permettersi l’aperta protesta. Nella vita affettiva è apparentemente malleabile, sensibile alle esigenze della partner, romantico e molto fedele, ma, molto legato agli schemi familiari, esige una attenzione costante, considera tutti gli impegni e gli interessi di lei come una sottrazione di cure a lui rivolte. Dominato dall’emotività e dagli umori variabili può vivere a volte come drammi le piccole contrarietà quotidiane e sentirsi disorientato da ogni minima variazione nel ménage. In compenso è un uomo su cui si può sempre fare affidamento, un marito affettuoso e un padre tenerissimo, anche se molto apprensivo.

Gli oroscopi ne li seguo ne gli do un minimo di credibilità, ma porca vacca questo ha beccato in pieno almeno il 90% di come sono (decisamente la versione errabonda :D), quasi quasi metto questa descrizione nel profilo personale…