Il napoletano è una lingua, non un dialetto

Screen Shot 2014-08-30 at 11.28.42_watermark

L’Unesco riconosce il napoletano come lingua, e non dialetto, seconda solo all’italiano per diffusione tra quelle parlate nella penisola. Sicuramente si tratta dell’idioma italico più esportato e conosciuto grazie alla canzone classica partenopea, una delle maggiori espressioni artistiche della cultura occidentale che da più di un secolo diffonde in tutto il mondo la bellezza della parlata napoletana. Una lingua romanza che, nelle sue variazioni, si parla correntemente nell’alto casertano, nel sannio, in irpinia, nel cilento, e nelle zone più vicine di Lazio, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise e Puglia, ovvero tutti quei territori che nelle antiche Due Sicilie costituivano il Regno al di qua del faro di Messina laddove la lingua nazionale era appunto il Napolitano, mentre il Siciliano era la lingua nazionale del Regno al di la del faro (Sicilia).

Non riconosciuto dallo stato centrale ma dall’Unesco, il napoletano è sempre stato una lingua e non un dialetto…lo sa bene anche OS X, che tra le lingue ha il supporto proprio per il napoletano e il siciliano :)

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter: @Tanzen.