1810

Oramai sono parecchi anni a questa parte – sicuramente da quando mi sono trasferito a Terni nel 2007 per Multiplayer.it – che non stacco mai completamente dal lavoro e dalla vita digitale.
Anche quando sono andato ai Caraibi c'è stata sempre qualche mail a cui rispondere, decisione da prendere, articolo da scrivere o assegnare, col telefono acceso di notte; a questo vanno aggiunte le "aggravanti" di avere particolare piacere ad interagire con i social network, di avere un rapporto diretto con i lettori e di voler condividere le miei passioni e quello che faccio in giro per il mondo, compresa la mia Napoli.

Quest'anno le vacanze sono state poche e la gamescom si è tenuta la settimana di ferragosto: dalla prossima le cose cominciano subito a farsi sul serio tra le uscite videoludiche ed il Tokyo Game Show; ho deciso quindi di andare completamente offline per tre giorni consecutivi, disattivando i dati su tutti i dispositivi e spegnendo il cellulare, allo scopo di ricaricarmi e vedere l'effetto che fa. Nessuna concessione digitale se non qualche videogioco sul 3DS e l'iPhone come macchina fotografica, comprerò il giornale la mattina per informarmi perché deve essere una simulazione realistica e non da eremita sulle montagne.

Lunedì pubblicherò il resoconto sul blog: il primo giorno e quelli successivi, quanto fatto di analogico e il ritorno al lavoro e alla tecnologia, sicuramente inondato da mail, notifiche e cose da curare.

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter: @Tanzen.