FIFA 16 vs PES 2016 (in demo)

maxresdefault-3

Qualche ora fa abbiamo pubblicato su Multiplayer.it il provato di PES 2016 e quello di FIFA 16, qui sul blog voglio divertirmi invece a mettere a confronto le due demo che ho provato, perché reputo la guerra per la simulazione calcistica migliore abbastanza sterile. Sia il titolo Konami che quello di Electronic Arts hanno oramai intrapreso strade parallele, con pregi e difetti che quasi si escludono a vicenda; di problematiche ne hanno quante ne volete, ma questo è argomento per gli eterni insoddisfatti che ogni anno devono criticare la simulazione della “concorrenza” o spalare merda per il puro gusto di farlo, quando entrambi i titoli pur essendo lontani dalla perfezione riescono a divertire ed appassionare.

Grafica e volti dei giocatori
Il Fox Engine riesce ad utilizzare un sistema di illuminazione migliore della controparte Electronic Arts, e questo si traduce in una resa visiva e dei volti dei giocatori più realistica e “morbida”. In certi casi i giocatori sono impressionanti come somiglianza alle controparti reali, vedi Paul Pogba. PES viaggia a 60fps granitici anche nei replay e nelle riprese dall’alto, FIFA ha qualche incertezza in questi frangenti ma quando si gioca non soffre di alcun problema. Le animazioni sono a favore di quest’ultimo – davvero tante in termini quantitativi – mentre il posizionamento della telecamere è differente, ricadendo nella sfera delle preferenze personali.

Reattività dei calciatori
In FIFA 16 la risposta ai comandi e la reattività dei calciatori è semplicemente perfetta, tutto quello che si pensa può essere eseguito senza problemi, al netto della telecamera e di eventuali controlli automatici. Anche in PES 2016 abbiamo una buona risposta, ma non così immediata come quella della controparte EA.

Ritmo di gioco
Forse PES 2016 è leggermente più veloce dello scorso anno, ma continua a proporre un ritmo di gioco perfetto per imbastire azioni a centrocampo e possesso palla, senza cercare costantemente l’affondo. La velocità di FIFA 16 è stata ridotta rispetto all’edizione precedente, ma è ancora passibile di miglioramenti.

Fisica della palla
In FIFA la fisica della palla è diventata più pesante e appagante, lo si nota anche nei rimbalzi dei tiri e nei cross dalla fascia. PES 2016 rimane però di una spanna superiore, con un comportamento sempre soddisfacente sublimato dalle animazioni che accompagnano il movimento del pallone.

Portieri
PES si avvale di nuove animazioni e tipologie di parate dei portieri, ma la loro reattività è ancora da verificare perché nell’edizione precedente peccavano in questo frangente, e non sembra ci siano stati grossi miglioramenti in tal senso. In FIFA 16 mi sono capitate parate molto interessanti, compresi i classici “smanacciamenti”, e i portieri sembrano più reattivi di quelli della simulazione Konami.

Questo è quanto per adesso; siccome ogni tanto fa bene prendere una posizione senza essere politicamente corretti, posso affermare che la demo di PES 2016 mi ha fatto un’impressione migliore di quella di FIFA 16; questo non significa che sarà più bello in assoluto, ci sono ancora tante modalità da verificare, l’online da testare e decine di partite da disputare, prima di emettere il giudizio definitivo.

Se Facebook ti provoca l’orticaria, scrivimi su Twitter: @Tanzen.