Finalmente sono riuscito ad andare a vedere una partita NBA anche a San Francisco. Per la precisione ad Oakland, dove si sono affrontati i Golden State Warriors ed i Portland Trail Blazers.
Il basket americano è un mio vecchio pallino, fino a qualche anno fa lo seguivo molto da vicino e non di rado facevo le nottate per guardare le partite più interessanti; adesso il tempo è limitato, ma non manco di informarmi sui risultati e guardare gli highlight quando possibile.

2013-03-30 21.11.42

Una partita di NBA è uno show a tutti gli effetti più che un’esibizione di sport, si tifa a ritmo di musica, ci sono tanti intermezzi coreografici e le rivalità solo appena accennate. Complici anche i controlli e i metal detector all’ingresso l’atmosfera è di una tranquillità quasi spiazzante; in realtà sarebbe da fare tutto un discorso su una civiltà “indotta” più che naturale, anche comparata a quella nostrana, ma questo è un altro discorso…
La partita è finita 125–98 per i Golden State Warriors ma poco importa, il pubblico si scaldava alle azioni più spettacolari più che a quelle importanti in termini di punti, la tipologia di tifo è estremamente differente ad esempio da quella calcistica, la passione, che non faccio fatica a credere radicata, pure; il coinvolgimento è tutto dettato dal contorno, dalla musica, da quello che dice lo speaker, ad ogni timeout c’è un’attività differente molto divertente tra gadget in regalo, ballo di gruppo o baci tra le persone inquadrate dalla telecamera, esibizioni di cheerleader e ballerini. La partita vera è propria è interessante se piace il basket, ma è assolutamente non supportata da quel tifo coinvolgente e potente che renderebbe il tutto più bello, nonostante ci fossero nella Oracle Arena oltre 19.000 spettatori a bere e mangiare le schifezze più incredibili.
Ad ogni modo vedere dal vivo una partita NBA è sicuramente un’esperienza da provare, il contorno è ottimo, l’organizzazione pure, i “colori” anche; per me, però, la bolgia che si crea in uno stadio di calcio pieno di tifosi passionali, magari senza episodi violenti, è un’altra cosa :)

Spazio a qualche video che ho girato!

Se Facebook ti provoca l’orticaria, scrivimi su Twitter: @Tanzen.