slide

Ieri sera ho visto in Blu-Ray "Si alza il vento", ultimo film del grande Hayao Miyazaki di Studio Ghibli prima del suo ritiro.
Un film semplicemente fantastico, ricco di citazioni e diversi piani di lettura, con alcune chicche come gli effetti del terremoto del Kanto e del motore degli aerei registrati direttamente con voce umana, il tratto come sempre peculiare e visivamente splendido, un finale da occhi lucidi.
Più realista dei precedenti film di Miyazaki, autore pacifista che adora gli aerei e strizza sempre l'occhio all'Italia (Caproni!), e che in questo film ha raccontato un preciso periodo storico, arricchendolo di una storia d'amore e mettendo in risalto l'arroganza giapponese a cavallo tra la prima e seconda guerra mondiale, che ha portato ad una debacle senza precedenti.

Si alza il vento mi è piaciuto davvero tanto, ho letto di alcune (poche) critiche per il suo ritmo non esaltante, ma chi vuole esplosioni o accadimenti serrati mi sa che ha proprio sbagliato target.

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter: @Tanzen.