IMG_0436_watermark

Ogni anno il periodo natalizio lo dedico alla scoperta e la riscoperta di Napoli, con particolare attenzione per la parte storica ma con diverse capatine sul lungomare e in periferia.
A partire dal lato gastronomico per poi immergersi nei vicoli, nei monumenti, nelle numerose chiese e scorci che la città sa regalare, con sorprese dietro ogni angolo.
Ieri sera assieme a Manu ho fatto una piccola capatina nella Sanità per mangiare la pizza eccezionale di Starita, oggi è stato il turno di Sorbillo (un'ora di attesa dalle 15), che ci ha deliziato con una Margherita e un Ripieno Aperto composti da ingredienti molto ricercati del territorio, che posizionano questa pizzeria nella mia top 5 assoluta, capeggiata da Concettina ai Tre Santi. Dulcis in fundo, un bel babà da Leopoldo e dei taralli per uso futuro, come sempre di qualità eccelsa.
Per sapere cosa penso nel dettaglio di alcune delle pizzerie al centro, ho creato questo elenco di recensioni su Yelp, al quale si aggiungerà proprio Sorbillo nelle prossime ore.

IMG_0370_watermark

IMG_0381_watermark

IMG_0384_watermark

IMG_0431_watermark

SorbilloMargherita_watermark

Il resto della giornata l'abbiamo passato tra i vicoli dei Decumani e negozi unici, San Gregorio Armeno e le sue creazioni fantastiche, tra piccole statue di ogni genere, riproduzioni di calciatori e cantanti, vere e proprie opere d'arte sotto forma di presepi…se avessi budget a sufficienza spenderei davvero una fortuna per arredare casa e fare regali.
Nelle ultime occasioni avevamo apprezzato Napoli Sotterranea, il Tunnel Neoborbonico, il Cristo Velato e tanto altro, questa volta è stato il turno dell'imponente Chiesa del Gesù Nuovo e della Chiesa di Santa Maria delle anime del purgatorio ad Arco, che si trova su via dei Tribunali ed è stata voluta ed edificata grazie ad alcune famiglie di nobili del quartiere alla fine del 600: una chiesa dove seppellire i ricchi e al contempo aiutare il popolino dando loro vestiti, cibo e speranze.
Il posto è molto suggestivo e forse un po' inquietante a partire dalle scalinate che introducono all'entrata principale, che hanno dei teschi grandi allo stipite principale su cui troneggia un altro enorme teschio. Tutti i poveri e chiunque avesse bisogno di speranza, trovava conforto nell'adozione delle anime pezzentelle che risiedevano nei teschi, i quali venivano custoditi e sistemati in piccole teche. "Ricordati che devi morire" in soldoni, ma mentre sei vivo affidati alle anime dei defunti che transitano in Purgatorio. A loro potevi chiedere la grazia e con loro potevi entrare in contatto attraverso i sogni.

IMG_0367_watermark

IMG_0397_watermark

IMG_0400_watermark

IMG_0402_watermark

Ci sarà tempo per un altro paio di giri in questi giorni: a Napoli ho vissuto per 27 anni, e nella sola giornata di oggi ho scattato 75 foto di nuovi particolari…that's amore!

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter: @Tanzen.

IMG_0407_watermark

IMG_0409_watermark

IMG_0413_watermark

IMG_0415_watermark

IMG_0418_watermark

IMG_0421_watermark

IMG_0422_watermark

IMG_0423_watermark

IMG_0425_watermark

IMG_0428_watermark

IMG_0429_watermark

IMG_0430_watermark