Ed anche quest’anno ci siamo lasciati il calciomercato alle spalle, sempre più inficiato dalla corsa mediatica all’ultima notizia, vera o falsa che sia, esasperato poiché nel bel mezzo di due giornate di campionato.
Ai tempi dei quotidiani era piacevole – almeno si fantasticava una volta al giorno – adesso lo seguo in maniera distaccata, con la speranza di qualche colpo interessante da parte della mia squadra del cuore.
Purtroppo, però, dopo lo scorso anno nel quale ho criticato le promesse non mantenute da parte di De Laurentiis, anche il calciomercato 2015 del Napoli ha regalato a Sarri una squadra incompleta, nonostante le richieste dell’allenatore in merito ad un centrocampista e le oggettive deficienze difensive.
Il presidente e i suoi collaboratori hanno avuto il merito di trattenere tutti gli attaccanti più importanti, per un potenziale offensivo semplicemente fantastico, e di comprare Allan, l’acquisto di gran lunga migliore. Valdifiori ha tutto da dimostrare – d’altronde è arrivato in Serie A a 29 anni – e in generale il centrocampo è sulla carta migliorato, non in maniera così decisiva come qualcuno vorrebbe far credere. Dulcis in fundo la difesa, il reparto che doveva essere chiaramente rinforzato viste le lacune – sia ben chiaro anche tattiche e di filtro a centrocampo – della passata stagione. E invece le fantastiche notizie del ritorno di Reina e della vendita di Britos non sono state supportate da centrali di livello che servivano come titolari o ricambi importanti; è arrivato solo Chiriches, ennesima incognita che lo scorso anno di certo non ha brillato. A destra abbiamo Maggio e Hysaj schierato anche al lato opposto, con Zuniga che continua a godersi una immeritata vacanza; a sinistra Strinic e Ghoulam, quest’ultimo un po’ fuori dagli schemi tattici di Sarri.

pepromano_2015-Sep-01

Il caso Soriano è stato l’emblema di una gestione assolutamente inconcludente, nella quale in due mesi si è perso tanto tempo su diritti di immagine, giocatori di dubbia utilità o all’opposto irraggiungibili. Il centrocampista richiesto da Sarri è diventato tale Chalobah, giovane del Chelsea arrivato in prestito secco senza nemmeno diritto di riscatto: non sarebbe stato meglio a questo punto investire sul vivaio?
Per il secondo anno consecutivo mi sento insoddisfatto, quindi: la rosa poteva essere completata meglio senza svenarsi, in un contesto nel quale altre squadre, vedi Inter e Milan, si sono rinforzate non poco aggiungendosi al lotto composto da Juventus e Roma. Con la stessa ammissione da parte di De Laurentiis: “gli obiettivi del Napoli dipenderanno dalle altre squadre”.
Sia ben chiaro, il mio supporto per la maglia sarà come sempre incondizionato, e per fortuna sono il campo, i giocatori e l’allenatore a decretare l’andamento di una stagione; faccio sempre più fatica altresì a capire quali siano i reali obiettivi sul lungo termine del presidente del Napoli.

Forza Napoli Sempre!

Se Facebook ti provoca l’orticaria, scrivimi su Twitter: @Tanzen.