Tra le tappe del weekend lungo di cui ho parlato ieri, hanno fatto capolino due posti meravigliosi per motivi differenti.
Furore è denominato il "paese che non c'è", questo perché al suo interno non esiste la classica piazza o punto centrale, ma si dipana lungo una serie di tornanti che collegano Agerola, situata a 600 metri di altezza, fino al mare e paesi quali Praiano, Amalfi, Positano e così via. Tornanti che offrono una visuale semplicemente splendida, ospitano alcune delle cantine più rinomate d'Italia (ci tornerò con un post specifico) e ristoranti che possono godere di tale vista sul mare.

IMG_2399_watermark

IMG_2355_watermark

IMG_2352_watermark

Amalfi da il nome all'omonima rinomata costiera ed è una cittadina deliziosa con tanti scorci interessanti; il fiore all'occhiello è rappresentato dal lungomare e dal Duomo, senza dimenticare i prodotti locali come il limoncello, il pesce e così via. Mi fa sempre sensazione positiva trovare ristorantini che offrono un piatto di linguine con vongole veraci e fresche a 13 euro, quando non di rado trovo primi (anche a Terni) con materie prime decisamente meno pregiate che costano uguale…se vi trovate in zona, entrambi i posti meritano assolutamente una visita.

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter: @Tanzen.

IMG_2513_watermark

IMG_2509_watermark

IMG_2505_watermark

IMG_2494_watermark-1

IMG_2485_watermark

IMG_2479_watermark

IMG_2476_watermark

IMG_2470_watermark