Nell’oramai lontano aprile 2012 sono stato in quel di Madrid per un’occasione irripetibile, quella di poter intervistare Cristiano Ronaldo, uno dei più grandi talenti del calcio mondiale.
Irripetibile perché mi rendo conto che il suo essere testimonial di PES 2013 mi ha permesso di avere un’occasione che solo pochissimi giornalisti sportivi riescono ad ottenere nella propria vita lavorativa, parlare di calcio e videogiochi con lui, farsi una foto assieme e l’immancabile autografo per i nipotini (seeee!).

Quando ho pubblicato la foto assieme sui Social, ovviamente, ha ricevuto una caterva di like, soprattutto qualche settimana dopo ho deciso di condividerla nuovamente in seguito ad un suo conseguimento sportivo con la maglia del Real Madrid.

Da quel momento mi sono reso conto – ma già lo sapevo – che soprattutto su Facebook reiterare le stesse cose a distanza di tempo crea una sorta di buco spazio-temporale nel quale le persone si “dimenticano” di cosa successo in precedenza, di conseguenza ho lanciato una scommessa con Luca Parry, fedele lettore nonché statistico personale sul giocatore: avrei messo la foto ad ogni conseguimento (non solo sportivo!) di rilievo ottenuto da Ronaldo, fino a quando la foto avrebbe fatto perlomeno 50 like.

Un po’ di fortuna credo che gliel’abbia regalata, visto che da allora ho pubblicato ben 43 volte sempre raggiungendo un numero di like superiore a 100: è nata una fanpage nella quale un lettore per due anni ha postato la foto manualmente OGNI GIORNO, hanno creato fotomontaggi ulteriori a partire dall’originale e ogni volta mi ammazzo dalle risate nel vedere la reazione delle persone in seguito alla pubblicazione.

Di occasioni per condividerla ce ne saranno ancora tante – l’ultima in occasione della finale della Champions League di Cardiff è stata parecchio divertente – nel frattempo per rimanere in tema, Cristiano Ronaldo dopo aver visto questo post ha preso il primo aereo per festeggiare: