Ciao Pino!

francofontana43_2015-Jan-05

Per me Pino Daniele rappresenta una, dieci, cento canzoni che hanno segnato ed accompagnato la mia adolescenza, ancora oggi presenti nel calderone di quelle vecchie e nuove che ascolto regolarmente. Un cantautore che ha vissuto diverse anime: a me è piaciuta quella Black in grado di raggiungere il grande pubblico, che si manifestava in un Soul e in un Blues dalle tonalità strumentali incredibili. E quel rapporto distante e vicino con Napoli e la sua vita, riassumibile nella sua frase “chi tene ‘o mare porta ‘na croce”.

Al Vomero andavo sempre ad un locale chiamato “Tutta ‘nata storia”, che trasmetteva solo le sue canzoni; durante il suo grande ritorno per il concerto del San Paolo del 1998 ero in grado di riconoscere tutte le canzoni dalle primissime note, mentre la sua voce e la sua chitarra diffondevano per tutto lo stadio vibrazioni incredibili.

Se ne è andato, purtroppo, ma ha lasciato in dono un patrimonio prezioso e indelebile per la musica italiana…ciao Pino, stamattina la tazzulella ‘e cafè è decisamente più amara.