I bellissimi anni 80

Prendendo spunto da questo sito, ho deciso di celebrare anche io gli anni 80, innanzitutto perché sono nato proprio nel 1980 e i primi anni di vita sono stati segnati da tutti gli accadimenti e le espressioni artistiche che sono nati in questo contesto. Il 23 Novembre ho vissuto poi il tremendo terremoto mentre avevo pochi mesi ed ero in macchina, il che spiega perché ho qualche rotella fuori posto :D

Nella maggior parte dei casi mi sono limitato solo a citare titoli e accadimenti, lo scopo è quello di farli tornare alla mente, se dovessi espandere i concetti ci vorrebbero intere pagine sul blog :)

Eventi

Ero abbastanza piccolino per ricordare con spirito critico o in maniera adeguata determinati eventi, ma sicuramente la caduta del muro di Berlino è stata abbastanza forte anche nella mia mente, comprese le immagini precedenti delle persone che cercavano di scavalcarlo per fuggire dalla Germania dell’Est. Negli anni successivi ho poi approfondito il concetto e mi sono fatto un’idea più precisa, oltre a scoprire di essere abbastanza appassionato di Storia e derivati :)
Un’altra cosa che ricordo, sono le proteste Cinesi e la famosa e toccante manifestazione di Tien’anmen, in un anno che ha visto la fine di tanti regimi, fuorché quello Cinese…

Cina

Film

Gli Anni 80 sono stati pieni di film memorabili che hanno in qualche modo accompagnato la mia crescita, alcuni dei quali ho recuperato negli anni successivi e magari apprezzato maggiormente perché più grande.
Perfetti per la mia età erano i Goonies, e poi tutta una pletora di film che mi limito a segnalare:

Ritorno al Futuro, Ghostbuster, Platoon, E.T., Top Gun, Indiana Jones, L’impero colpisce ancora, Die Hard, Beverly Hills Cop, La Storia Infinita, Rambo, Blade Runner, Terminator, Gremlins, Aliens, Fuga da New York, Il Nome della Rosa, Shining, L’Aereo più pazzo del mondo, Nightmare, Senti chi Parla, Corto Circuito, Una Poltrona per due, Una pallottola Spuntata, Non Ci resta che piangere, Scuola di Polizia, Il tempo delle mele, Blues Brother, L’allenatore nel pallone (:D), Fracchia la Belva Umana, Fuga per la Vittoria, Karate Kid.

Ghostbuster

Telefilm

Sulla stessa falsariga i telefilm, alcuni davvero eccezionali e che riguardo ancora adesso con piacere in quanto invecchiati decisamente bene, in assoluto forse il mio preferito è Miami Vice.

A-Team, Arnold, Hazzard, I Jefferson, I Robinson, Mc Gyver, Zorro, Strega per Amore, M.A.S.H., Tre Cuori in affitto, Saranno Famosi, La Casa nella Prateria, Happy Days, Casa Keaton, Super Vicky, La famiglia Addams, Genitori in Blue Jeans, Supercar, L’uomo da sei milioni di dollari, La Donna Bionica, Colombo, I ragazzi della terza c, Classe di Ferro, Love Me Licia, Starsky e Hutch, Miami Vice, Chips, T.J. Hooker, Hunter, Star Trek, Visitors, Alf.

Starsky e Hutch

Programmi

Col Supertelegattone sempre sullo sfondo, c’erano il Pranzo e Servito e Giochi Senza Frontiere, Ok il Prezzo e Giusto, l’intramontabile 90° minuto, Bim Bum Bam e Telefono Giallo, che mi spaventava al tempo ma non potevo non guardarlo.

Supertelegattone

Sport

Sono cresciuto a pane e Maradona, pur essendo piccolo, e negli anni successivi ho collezionato di tutto su questo incredibile giocatore, con tante macchie sul proprio curriculum personale, ma in grado di incantare ad ogni partita e generare una passione forse mai più raggiunta…

Mi ricordo marginalmente i mondiali dell’86 e lo straordinario torneo del Pibe De Oro, e i mondiali del 90, dove qui a Napoli eravamo combattuti tra il tifare Italia e Argentina :D
Qualche sparuto ricordo ce l’ho anche di Carl Lewis e delle sue tantissime medaglie, e dei mitici fratelli Abbagnale.

Maradona

Musica

Anche la musica ha vissuto dei picchi straordinari, e ci sono particolarmente legato ancora adesso.

A partire dai Pink Floyd con The Wall, l’ulteriore consacrazione dei Queen, Battiato sugli scudi, il vero pop (non la merda attuale) con Micheal Jackson, con capolavori come Billie jean e Beat It.
E ancora, Purple Rain di Prince, la bellissima Sultans of Swing dei Dire Straits, i successi di Madonna, Witney Houston (e i balli di classe alle medie…), The Final Countdown, Gente di mare, Si può dare di più, Gli U2, i Wham…

La lista sarebbe infinita, in realtà.

Queen

Cartoni

Hokuto No Ken (il migliore), Sant Seya, Gigi la Trottola, Starzinger, Cyborg 009, Kyashan, Daitarn III, Holly e Benjy, Lamu, Tutti in Campo con Lotti, Lupin III, Supercar Gattiger, Jeeg, Astro Robot, Jetta Robot, ken Falco, Occhi di Gatto, Polimar!, Devilman, Sampei, Fantaman, Capitan Futuro, Galaxy Express, Dr. Slump, Doraemon, Yattaman, Carletto, Lady Oscar, Hello Spank, Wacky Racers.

Questi sono solo una parte, dei quali ho il brano in formato MP3 spesso sia in versione italiana che giapponese. Il filone attuale degli Anime Giapponesi, che pure non mi dispiace, fa fatica però a presentare degni esponenti, e bisogna cercare un bel po’ per trovare titoli degni.

Hurricane Polimar

Videogiochi

Ho iniziato abbastanza presto anche qui con il Commodore 64 dei miei genitori e lo Spectrum ZX, soprattutto grazie al primo, con le cassettine da 20 e più giochi in edicola (pezzotta), la paura di premere un tasto durante gli infiniti caricamenti dei giochi, il primo programma in Basic, che dopo centinaia di righe di codice per emettere una nota, non funzionava :D

Super Mario, New Zeland Story, Boubble Boubble, Burger Time, Wonder Boy, Super Volleyball, Prince of Persia, Ghouls and Ghost, Out Run, Mexico 86, Championship Sprint, Gals Panic (:D), Arkanoid, 1942, Pacman, Lemmings, Track and Field.

Tanti altri capolavori su computer e in sala giochi che poi hanno fatto da preludio alla magnifica accoppiata Megadrive-Super Nintendo di fine anni 80, e alle ultime cartucce sparate dall’indimenticabile Amiga 500…

The New Zeland Story

Per la tecnologia ero ancora troppo piccolino ma i primi CD e Personal Computer di famiglia li ricordo eccome, magari farò un excursus riguardo i dieci anni successivi, dove è nata la mia anima nerd, ora geek.

Ad ogni modo chissà quante cose mi sono dimenticato, ma direi che c’è abbastanza materiale per generare un sano e piacevole momento di nostalgia :)

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter.

Routine e Rituali

bedtime_routine

E’ facile sovrapporre queste due parole, che stanno a significare il ripetersi di una particolare azione o susseguirsi di situazioni; nel primo caso però spesso si ha un’accezione negativa, alla stregua della monotonia, nel secondo invece no.

Secondo me la loro diversificazione dipende proprio dal sentimento che le accompagna, routine è quando devi svolgere un lavoro che non ti piace, quando sei costretto a ripetere all’infinito una cosa controvoglia, quando non hai la forza di opporti a qualcosa che pare già scritto.

Rituale è quando al mattino ti svegli allo stesso orario, ascolti la solita musica e prepari il caffè, con tutta la calma di questo mondo. E’ quando accompagni il tutto con entusiasmo, non vedi l’ora che quella cosa accada al solito orario e al solito posto, ti emozioni quasi nei momenti immediatamente precedenti…

Il rituale diventa routine quando ad esempio un rapporto d’amore non si rinnova, non viene coltivato e viene dato tutto per scontato, quando non si ha più l’entusiasmo per certe cose, e allora è giunto il momento di trovare un nuovo rituale, spesso con una prova di forza o un deciso cambiamento.

Odiare la routine, amare i rituali, sembra così facile ma invece ci vuole estrema bravura nello scindere le due cose.

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter.

I nuovi progetti video di Multiplayer.it

Anche se non sembra, Multiplayer.it ha già quattordici anni di “militanza” sul groppone (il sottoscritto addirittura quindici, grazie al compianto Alternative Reality), è riuscita a creare una struttura a Terni che da lavoro a 32 persone full time (più altre a Milano e collaboratori freelance), una sala di registrazione video con tutti i crismi del caso e una redazione oramai affiatata che è riuscita ad imporsi come punto di riferimento in Italia riguardo l’informazione videoludica, grazie alle stesse persone e alle risorse tecniche e logistiche utilizzate. Dopo tanto tempo è innanzitutto necessario curare il lavoro quotidiano sempre con estrema precisione e passione, ma anche inventarsi nuove cose per diversificare, rinnovarsi e utilizzare le risorse che ci siamo creati abbiamo acquisito nel corso nel tempo.

Del nostro progetto video ad oggi più ambizioso, che ho rinominato Project G, non posso/voglio dire nulla visto che manca ancora un po’ di tempo e potrebbero esserci cambiamenti in corsa.

Vi lascio però con le prime foto dal set (abbiamo cominciato sabato 2 marzo) e con i video degli ultimi due prodotti video dove credo abbiamo raggiunto un ulteriore livello qualitativo sia come montaggio che qualità delle riprese, grazie all’acquisto di una telecamera con ottiche migliori e della Steadycam “redazionale”.
Sto parlando nella fattispecie della videoanteprima esclusiva di Sim City e dello Studio Tour presso Visceral Games e Maxis, buona visione!

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter.

—————————-

—————————-

[flickrset id=”72157632900655283″ thumbnail=”medium” photos=”” overlay=”false” size=”small”]

Una dimensione in più – Te Lo Dice Multiplayer.it

telodice-dimensione

La nuova puntata dell’irriverente rubrica Te Lo Dice Multiplayer.it dove i nostri tre fenomeni da baraccone cercano di essere seri almeno per una volta. L’obiettivo è raccontare le serie videoludiche che negli anni sono passate dal 2D al 3D.

Ecco il filmato:

I commenti classici sono superati, se vuoi continuare la discussione scrivimi su Twitter.