Anche il Plasma si può donare!

Come scritto più volte su queste pagine, ogni 3/4 mesi vado con piacere a donare il sangue, la reputo una cosa semplicissima da fare, con nessuna controindicazione e sicuramente importante vista la perenne richiesta in tal senso, un gesto che quando non ci sono controindicazioni reali andrebbe fatto senza alcuna remora…
Ultimamente mi sono informato anche sulla donazione di plasma, chiamata plasmaferesi, che seppur dura un po’ di più rispetto a quella classica di sangue, è meno “famosa” ma ugualmente importante, può essere fatta più spesso (e alternata alla donazione di sangue stessa) e serve per curare diverse malattie, anche in questo caso a costo zero per il donatore. Questa settimana quindi onorerò anche questa possibilità, basta prendere un appuntamento col dottore che se ne occupa e in meno di 1 ora è tutto fatto, senza alcun rischio :)

Al di là della paura che diverse persone hanno nel donare, oppure nella pigrizia di dirigersi al mattino in ospedale o centri Avis per donare, discutendo con alcuni amici mi hanno colpito un paio di risposte in particolare, perfino una relativa al fatto che le associazioni alle quali ci rivolgiamo vengono sovvenzionate dallo stato e accedono a numerosi fondi, e come donare il sangue, mandare soldi e così via potrebbe essere fatto anche dai singoli e gestito senza soldi a monte, indi per cui è tutto un sistema sballato che non va supportato da questi gesti.

Questo scenario un po’ complottista può anche essere vero in certi frangenti, ma alla fine anche sparando nel mucchio qualche cosa si riesce a tirare fuori, così come l’egoismo personale che però colpisce in maniera positiva anche gli altri è sempre un qualcosa superiore allo zero assoluto.
Io sono un po’ più romantico, credo anche che tante persone non aiutano in queste situazioni oppure non donano il sangue e altro per pigrizia, per paure (spesso) non giustificate, perché troppo complicato e o per mancanza di informazione.
Lungi da me fare del buonismo gratuito, che anzi mi sta sulle palle in maniera abbastanza pesante, però in questo caso le chiacchiere e le giustificazioni stanno a zero :)

Chiudo con un po’ di domande e risposte relative alla donazione del plasma, per quelli più dubbiosi o che vedono anche questa cosa come insormontabile, ma invece è una cazzata!


Che cos’è il Plasma?
Il Plasma è la parte liquida del sangue che trasporta globuli rossi, globuli bianchi e priastrine.

Che cos’è la Plasmaferesi?
La Plasmaferesi è la donazione di solo Plasma con restituzione al donatore degli altri componeti del sangue.

A che cosa serve il Plasma?
Il Plasma o meglio le sue frazioni, sono indispensabili per curare molte malattie. L’albumina ad esempio, viene usata per pazienti con gravi malattie al fegato; i fattori della coagulazione per i pazienti emofilici; le gammaglobiline per prevenire o curare diversemalattie infettive.

Come viene prelevato il Plasma?
La plasmaferesi da donatore si esegue con un apparecchiatura con circuito sterile monouso che trattiene il Plasma e reinfonde le cellule.

Quantità di plasma prelevato ed intervallo tra le donazioni.
Il limite massimo indicato dalla legge è fissato in 600ml. per ogni seduta, con intervalli di alemeno 14 giorni tra una plasmafersi e l’atra (D.M. 03/03/05).

Quali disturbi può arrecare al donatore?
Nessun tipo di disturbo; il Plasma viene reintegrato in brevissimo tempo: da poche ore a pochi giorni.

Chi può donare il Plasma?
Possono donare il Plasma tutt i gli uomini e le donne di età compresa tra i 18 edi 60 anni (55 se è la prima donazione) e di 50kg di peso corporeo; può farlo anche chi ha valori di emoglobina non sufficienti per la donazione tradizionale (deve essere almeno 11,5mg.) e che è portatore sano di anemia mediterranea purche sia in buona salute ed abbia delle buone vene.

Quanto dura la procedura della Plasmaferesi?
La donazione dura circa 40minuti

Dove si dona?
Si può donare Plasma nei servizi trafusionali presenti in diversi ospedali Italiani, mappa dell’Avis.

5 thoughts on “Anche il Plasma si può donare!

  1. Ciao Antonio,non mi sono dimenticato di ciò che hai fatto un pò di tempo fa per promuovere la causa delle donazioni, ho continuato a seguirti seppur un pò più “nell’ombra”, anche assorbito da un ritmo di vita rientrato nella normalità (normalità se confrontato alle vicissitudini ospedaliere che spero ti facciano ricordare del sottoscritto :) ) è sempre bello notare l’attenzione costante che qualcuno pone nei confronti di una (giusta) causa come lo è, per l’appunto, la donazione, anche quella di plasma, meno nota ma sicuramente altrettanto importante. Rinnovandoti i saluti, ti ringrazio semplicemente per essere come sei e per la tua sensibilità costante nei confronti di chi,come sappiamo, necessita della generosità altrui per sopravvivere e ricominciare a vivere.
    Giovanni (il leucemico, do u remember?? ;) )

  2. Giovanni!

    Certo che mi ricordo di te, ci mancherebbe ehehe

    Mi fa piacere che la tua vita sia tornata relativamente alla normalità, sempre in gamba e a disposizione )

  3. Bravo Antonio, anche se ci vuole più tempo che per una semplice donazione, è altrettanto importante il plasma. Per ora il sottoscritto si mantiene sulle donazioni del sangue, ma in un futuro non lontano chissà… forse farò anche quella. Dopo che avrai fatto la donazione potresti scrivere un post descrivendo cosa fanno durante la procedura? Grazie e alla prossima :D

  4. Grazie mille Totò :D

  5. ho un problema, ho 60 anni e mi sono presentato per la consuete plasmaferesi, ma un medico questa volta mi ha detto che, usando io la pastiglkias lisinopril per l’ipertensione, non posso più donare perche ci sarebbero controindicazioni per la pastiglia cheuso. In realtà io già da tre anni facevo plasmaferesi per emoglobina bassa, e i medici sapevsano i medicinali che prendo e mi avevano sempre autorizzato ed io non avevo mai avuto problemi.
    Come mi devo comportare?

Leave a Reply